Quantcast
peoplepill id: anna-forte
AF
1 views today
1 views this week
Anna Forte

Anna Forte

Italian artist
Anna Forte
The basics

Quick Facts

Intro Italian artist
Is Artist
From Italy
Type Arts
Gender female
Birth 1 August 1950, Altamura, Italy
Age 70 years
Star sign Leo
Peoplepill ID anna-forte
The details (from wikipedia)

Biography

Anna Forte (Altamura, 1º agosto 1950) è un'artista italiana esponente dell'astrattismo in auge negli anni 1980 e 1990.

Biografia

"Anna Forte possiede il rigore della costruzione. Le sue astrazioni geometriche porgono la metafisicità dell’essenza, in un gioco di assonanze musicale." (Paolo Levi in occasione della rassegna «Onda Verde Courmayeur» )

Anna Forte è nata ad Altamura il 1 agosto del 1950. Ha frequentato le scuole dell’obbligo presso l'istituto d'educazione sperimentale Anna Micheli di Roma. In quegli anni si mette in evidenza per la sua sensibilità, per le particolari capacità artistiche ed una propria predisposizione a tramutare in opere i sentimenti e le esperienze personali. Si diploma presso l’istituto d’Arte per la Maturità D’Arte Applicata e nel 1978 consegue il diploma in scenografia presso l’Accademia delle Belle Arti di Bari. Nel 1982 si trasferisce a Monza dove entra a far parte del gruppo artistico indipendente ‘’Toulouse Lautrec’’ e dove lavora come docente d'arte. La sua vena creativa è stata fortemente influenzata dall’incontro e dallo studio con due prestigiosi maestri: Bruno Munari suo maestro per lo studio della forma e Luigi Veronesi per lo studio del colore. "Anna Forte si dimostra, un’artista molto colta, che ha tenuto ben presenti alcune innovazioni introdotte da pittori americani quali Barnett Newman e Kenneth Noland (Gabriele Simongini, critico d'arte). Il suo bagaglio artistico, quotato nell’albo degli artisti internazionali, vanta più di un centinaio di quadri, opere tridimensionali vivaci di geometrie astratte di svariate dimensioni, proporzioni e composizioni. Hanno parlato di lei grandi critici d’arte come Paolo Levi, Remo Alessandro Piperno, Antonino Debono,Mario Monteverdi, Giuseppe Martucci, Teodosio Martucci, Maurizio Vitiello, Walter Alberti, Gabriele Simongini. Ha vissuto a Bari, Monza, Milano e Firenze, luoghi in cui ha ricevuto svariati premi e riconoscimenti. Tra le numerose mostre v'è la partecipazione a due Expo Arte "Fiera internazionale di Arte Contemporanea" del 1996 e 1998, e la partecipazione alla Biennale Internazionale di Arte Contemporanea a Firenze del 1998 e del 1999.

Premi e Riconoscimenti

  • Medaglia d'Oro della Biennale di Venezia “San Marco” per "omaggio alla Sua arte, alla Sua cultura e alla Sua letteratura" nel 1995;
  • Trofeo Coppa della Città di Venezia nel 1995;
  • Nomina di Presidente Onorario dell’Accademia Internazionale “Città di Roma” nel 1996;
  • Titolo di Accademico di Merito e “Commendatore dell’Accademia di Città di Roma” nel 1995;
  • Premio “Quadriennale di Roma” nel 1994 PROT.1265G.M.;
  • Premio Internazionale Accademia_Ambrosiana_d’Arte di Milano nel 1986;
  • Premio internazionale città di Roma dell'Accademia internazionale "Città di Roma", PROT342G.M.;
  • Titolo di dottore Honoris Causa dell'Accademia Internazionale "Città di Roma", 1995;
  • Premio Arts and Words, Hong Kong nel 1994;
  • X Premio Internazionale Accademia Ambrosiana d'Arte di Milano, trofeo "Cineteca Italiana;
  • Premio Speciale della Giuria Accademia Ambrosiana d'Arte concorso Internazionale di Pittura " Il Carroccio", Milano, 1987;
  • Parigi I° PREMIO ITALIA settembre 1993 a cura di ‘’ART LEADER’’(art. nella rivista anno 3, N. 14. 1993);
  • Coppa Trofeo Accademia Internazionale Italiana "Il Macchiavello", omaggio "Senato della Repubblica Italiana", Firenze, 1998;
  • Coppa Trofeo Omaggio e pergamena "Senato della repubblica Italiana’’, Firenze, 1998;
  • Medaglia d'oro Accademia Internazionale Italiana "Il Macchiavello’’, Firenze, 1998;
  • Coppa d'Argento Abraham Lincoln, Accademia Internazionale ‘’Il Marzocco«, Firenze, 1998;

Bibliografia

  • Catalogo Accademia Ambrosiana d'arte, a cura di Mario Casadio, 1986;
  • presente nell'Archivio storico di Consultazione dell'arte Moderna e Contemporanea, Catalogo Arte Moderna', N 30, edizione G. Mondadori, pag. 148 e pag. 45,46;
  • Catalogo Internazionale d’Arte Moderna nº 8: MDS Edizioni Sepifin-CIDA Roma;
  • Catalogo Il Quadrato, Pittori e scultori italiani di importanza europea, 1995, Milano ISBN 9788886846004
  • Archivio Storico di Consultazione, dell'Arte Moderna e Contemporanea, Busto Arsizio, 1995;
  • Dizionario Critico Artitalia, primo quaderno '90 a cura di Mario Monteverdi, pag. 86 ISBN 0000000081278 ;
  • articolo di Renata Valentini sul quotidiano Il Cittadino (Monza- 1 Dicembre 1983- Anno 85- n. 46/48 rispettivamente pag. 15 e 8)
  • Quaderni regionali 'PUGLIA l'organizzazione musicale' a cura di Pierfranco Moliterni, CIDIM comitato nazionale italiano musica (n.9 Altamura, Teatro consorziale Mercadante, pag. 277,278) ISBN 9788867170906 ;
  • La rivista bimestrale ARTE Più pubblica un articolo del critico d'arte Antonino De Bono sull’Opera di Anna Forte (ANNO XII- n.5-6 settembre-dicembre 1988, pag. 30);
  • Articolo su Piazza, anno XII, 26 Gennaio, 1997 di Fabio Perinei;
  • «La Disgressione del metodo come ricerca del nuovo» a cura del critico d‘arte Giuseppe Martucci articolo pubblicato sulla Rivista mensile Artecultura, pag. 52/53;
  • Articolo sul quindicinnale di arte, cultura e spettacolo ’’Allò Proposte’’ ANNO V- N O 8, 9 Luglio 1991, pag. 45;
  • inclusa nel Catalogo ufficiale dell'Arte contemporanea italiana, TOP ART S 1992 di Rossano Massaccesi Editore, pag. 54-55;
  • recensione di Livio Vincensi sul quotidiano 'il Resto del Carlino', 23 luglio 1993;
  • Catalogo ' I protagonisti dell'arte del XX secolo', edizione 1993, Gavino Usai editore, pag. 56;
  • citata nel libro di Santa Fizzarotti "Il luogo amato dell'arte", 1997, ISBN 9788875149673;
  • Inclusa nel catalogo ufficiale dell'arte contemporanea italiana TOP ARTS 1994, di Rossano Massaccesi Editore, pag. 166-167 e pag. 615;
  • ExpoArte, Fiera Internazionale di Arte contemporanea, Bari, Catalogo pag. 70-71, 1996;
  • Articolo sul quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno N. 135.1996.
The contents of this page are sourced from Wikipedia article on 21 Feb 2020. The contents are available under the CC BY-SA 4.0 license.
comments so far.
Comments
From our partners
Sponsored
Reference sources
References
https://it.wikiquote.org/wiki/Pietro_Mario_Monteverdi
http://www.guzzardi.it/arte/pagine/artisticalabresi/archivio/forte.html
arrow-left arrow-right instagram whatsapp myspace quora soundcloud spotify tumblr vk website youtube pandora tunein iheart itunes